Archivio della categoria: archeologia

MITI19

Alle origini Bastet era una dea-leonessa del culto solare, simboleggiante il calore benefico del sole, adorata per la sua potenza, la sua forza, la sua bellezza e la sua agilità (e come tale fu venerata per la maggior parte della storia egizia), ma col tempo venne sempre più assimilata ai culti lunari e ai gatti.
Il culto di Bastet, e di conseguenza dei gatti, raggiunsero una diffusione tale che il gatto in Egitto era protetto dalla legge. Era vietato fare loro del male o trasferirli al di fuori dei confini del regno dei faraoni. Chi violava tali disposizioni, era passibile di pena di morte.

GIOIELLI 20

Maschera funeraria di Tutankhamon e retro del suo trono. I contemporanei di questo giovane faraone morto prematuramente, hanno cercato di cancellarne la memoria e farlo scomparire dalla storia, ma in realtà è sicuramente il faraone più conosciuto nel mondo ai non addetti. E se la sua tomba, sfuggita anche ai ladri per centinaia d’anni, ha conservato i tesori che possiamo ammirare, chissà cosa doveva esserci nelle tombe dei grandi faraoni!

SHAM EL NASSIM

Oggi per tutto il popolo egiziano è la festa della primavera che risale ad oltre 4700 anni fa. E’ una festa laica che un tempo era legata all’equinozio, per sancire il passaggio dall’inverno (morte) alla primavera (nascita, vita, fertilità). Ora cade il giorno dopo la pasqua copta. Per certi aspetti somiglia alla pasquetta cristiana/occidentale: il menù tipico comprende le uova col guscio colorato vivacemente e il pic nic vicino al mare o sul Nilo. Tipiche anche processioni e spettacoli.

LA DEA ISIS

Nella mitologia dell’antico Egitto Iside era la dea della magia, della fertilità e della maternità, una delle nove divinità più importanti del pantheon egizio, mentre Osiride, suo fratello e sposo, era il re dell’oltretomba. Nella religione egizia, la figura di Iside era associata alla costellazione della Vergine.