Articolo in evidenza

PERCHE’?

I principali prodotti agricoli dellEgitto sono il cotone a fibra lunga (di cui l’Egitto è il principale produttore a livello mondiale), il mais, il frumento, la canna da zucchero, il riso, pomodori, miglio, lenticchie e fave, orzo, agrumi, datteri e uva.
Ma allora perchè riso, zucchero e datteri in proporzione al resto sono così cari e a volte introvabili (lo zucchero)?

Articolo in evidenza

EID AL-FITR

E’ la festa per la fine del digiuno e per il 2024 cade dalla sera del 9 aprile alla sera del 10 aprile.
Può avere un aspetto cruento per gli occidentali, perché prevede l’uccisione del montone, quindi è bene conoscerlo prima di mettersi in viaggio in un periodo in cui si celebra questa festività.
Le ricette sulla tavola cambiano da Paese a Paese e da Regione a Regione all’interno di uno stesso paese, in ogni caso non mancano la frutta secca e i datteri, dolcetti vari e piatti a base di ovini.

Articolo in evidenza

LA DEA ISIS

Nella mitologia dell’antico Egitto Iside era la dea della magia, della fertilità e della maternità, una delle nove divinità più importanti del pantheon egizio, mentre Osiride, suo fratello e sposo, era il re dell’oltretomba. Nella religione egizia, la figura di Iside era associata alla costellazione della Vergine.

Articolo in evidenza

LA DEA MUT

Era una dea di primaria importanza, associata alle acque da cui tutto avrebbe avuto origine tramite partenogenesi. Era inizialmente raffigurata come avvoltoio, poi come una donna recante in capo le corone dell’Alto e Basso Egitto e un copricapo aureo con le sembianze di avvoltoio.

Articolo in evidenza

IL VIALE DELLE SFINGI

Un “sentiero” lastricato

Mette in collegamento il Tempio di Amun del Karnak con il Tempio di Luxor, che era il centro di una festa rituale ed annuale (festa di OPET) la maggior parte del tempio di Luxor e’ merito di due grandi Faraoni: Amenofi III e Ramesete II. Il percorso, di circa 3 km e con ben 1200 sfingi che lo costeggiano da entrambi i lati, è stato reso accessibile il 25 novembre 2021, dopo 50 anni di lavori per il restauro.

Articolo in evidenza

RAMADAN

Nel calendario islamico, il Ramadan (in arabo رمضان‎, ramaḍān) è il nono mese dell’anno, di 29 o 30 giorni; in base all’osservazione della luna crescente. È il mese sacro del digiuno, dedicato alla preghiera, alla meditazione e all’autodisciplina. Secondo la pratica islamica, il Ramadan è il mese in commemorazione della prima rivelazione del Corano a Maometto.
Il digiuno è un obbligo per tutti i musulmani praticanti adulti e sani che, dalle prime luci dell’alba fino al tramonto, non possono mangiare, bere, fumare e praticare sesso. Durante questo periodo cibo e bevande sono servite quotidianamente prima dell’alba e dopo il tramonto in pasti chiamati rispettivamente suḥūr e ifṭār.

Articolo in evidenza

L’AIRONE SACRO

L’airone sacro agli egizi tornava ogni anno sul Nilo nel periodo delle inondazioni, diventando così simbolo di ritrovata fertilità e abbondanza. In Egitto la Fenice sotto forma di airone è rappresentata in alcune tombe dove era adorata dal defunto, come simbolo di rinascita e trasformazione. Oggi si può ammirare questo uccello sia anche nei giardini dei resort e sulle spiagge.

Articolo in evidenza

IN ATTESA DEL RAMADAN

Il Ramadan rappresenta il parallelo del periodo natalizio per i cristiani e anche in Egitto il periodo di attesa si sta sempre anticipando, fino a quasi un mese prima. Ci sono anche lucine colorate e lanterne di varie fogge illuminate nelle case e sulle strade, ma i negozi allestiscono l’esterno con tendoni fatti coi tipi tessuti egiziani coloratissimi e con bellissimi arabeschi. E poi frutta secca, datteri, dolci inzuppati nel miele ….. ma anche dolci più “occidentali”.
Proprio i datteri – freschi o secchi – sono offerti al tramonto sulle strade di ingresso alla città, a tutti coloro che tornano a casa: un energizzante naturale per riuscire a conservare la lucidità dopo una giornata di lavoro e in attesa di una cena pantagruelica!

Articolo in evidenza

FALAFEL

Anche in Egitto c’è il cibo di strada. Fra i piatti tipici ci sono le falafel, polpettine fritte fatte di ceci o di fave o di entrambi questi legumi insieme. Si mangiano dentro al pane, che non è lievitato e si apre facendo una tasca dove vengono inserire insieme a verdura fritta (di solito melanzane) e sottaceti.
In provincia, per l’equivalente di un euro ne danno una quantità industriale. In città le propongono anche in dimensioni esagerate (una decina di centimetri di diametro), ma sono sempre appetitose e gustosissime.

Articolo in evidenza

INVERNO SUL MAR ROSSO

Da qualche anno il clima invernale sul mar Rosso, costa egiziana, si sta modificando. Quest’anno (dicembre 2023 – febbraio 2024) addirittura ogni tanto piove e c’è stata anche un’alluvione, che ha allagato le strade e fatto rimanere senza corrente elettrica per oltre 24 ore.
Il sole è sempre caldo, ma sulle coste c’è spesso un vento forte ed anche freddo, che si intensifica man mano che ci si avvicina al mare. Così, anche se l’acqua è tiepida, si fatica a fare il bagno!

Articolo in evidenza

PERICOLO IMMINENTE?

Da qualche giorno si parla dello Yemen e degli Houthi che attaccano le navi che attraversano il mar Rosso per arrivare a Suez. Ma sono 10 anni (dal 2014) che in questo stato c’è una guerra civile! E con la scusa di una guerra lampo (generali e governi non imparano mai niente dalla storia e dalle loro stesse esperienze!!!) al presunto governo legale si sono affiancate Arabia Saudita, Francia, Gran Bretagna e USA. Ora queste nazioni non si accontentano più di dare armi e aiuti all’esercito, ma – poichè gli Houthi attaccano le navi commerciali, li bombardano, dimenticando che colpiscono in realtà una popolazione stremata dalla guerra e anche dalla carestia……, anche supponendo che i ribelli reagiscano come loro prevedono e che l’IRAN che li sostiene li abbandoni.

Articolo in evidenza

IBRAIM

Chiamo così un asinello, di pelo scuro e, credo, anziano. Poichè qui sul mar Rosso non esiste la raccolta differenziata, ho deciso di portargli gli scarti di verdura e frutta. Ci vado una volta alla settimana e quando lui mi vede, agita la coda e raglia! Più educato e cortese di molte persone che conosco…..

Articolo in evidenza

NON SUCCEDE MAI

Non ho mai visto un egiziano correre. Di nessuna età (bambini, adulti o anziani, donne o uomini) non fa differenza. E’ curioso quando una persona ferma un microbus (mezzi di trasporto in città che si fermano ovunque) ed è a distanza: non c’è pericolo che affretti il passo per non far perder tempo ad autista e viaggiatori…. Ma succede anche quando attraversano la strada: nessuno si affretta neppure se vede un’auto che rischia di investirlo!

Articolo in evidenza

SUCCEDE SOLO IN PROVINCIA?

Il codice della strada non è una delle “cose” a cui gli egiziani fanno più attenzione.
Uno straniero alla guida deve fare molta attenzione perchè è abitudine di tutti coloro che guidano un mezzo (dalla bicicletta, al suv) di andare contromano, sbucando da ogni dove. Dunque non si deve dare per scontato che nella propria corsia tutti viaggino nello stesso senso o che da un incrocio non compaia una moto o altro veloce e in senso contrario!
Forse nelle grandi città è meno frequente…….

Articolo in evidenza

EVENTI CLIMATICI

Ad El Quseir, qualche giorno prima della fine dell’anno, si è verificata una tempesta che ha allagato tutta la cittadina e anche molti appartamenti. In effetti i serramenti non sono ben “sigillati”, i tetti non prevedono piogge e sono sostituiti da terrazze che non sono impermeabilizzate. Dunque il violento acquazzone ha potuto provocare danni anche all’interno delle case.
Le piante però sono state lavate dalla polvere che le ricopre costantemente ed ora le foglie brillano verdi e lucenti. Anche le zanzariere hanno tratto beneficio da vento e acqua e sono pulite come mai.
Infine si è capito il motivo che ha spinto a fare un canale scolmatore che porti l’acqua dall’interno e dalle montagne al mare! E siamo in Egitto dove la pioggia forte e copiosa è una rarità!

Articolo in evidenza

CONTRO GLI STEREOTIPI 2

Fu Nasser, che ha governato l’Egitto fra il 1956 e il 1970, a promuovere i diritti per le donne garantendo loro il diritto di voto e le pari opportunità (Costituzione egiziana del 1956) e proibendo le discriminazioni di genere.

Nel 1957, con la formazione del nuovo Parlamento, Rawya Ateya è diventa la prima donna parlamentare del Paese. Il 29 settembre 1962 venne nominata per la prima volta una donna ministro: Hikmat Abu Zayd (1922-2011), ministro degli Affari Sociali. In parallelo però venivano controllate e represse le organizzazioni femminili, limitando in concreto la possibilità delle donne di avere una rappresentanza politica

Articolo in evidenza

CONTRO GLI STEREOTIPI 1

E’ iniziato un nuovo anno e vogliamo farlo raccontando la storia di Lotfia el Nadi, la prima pilota egiziana e fra le prime al mondo.
Nata in una famiglia della media borghesia, dopo l’educazione primaria frequentò una scuola di lingue americana grazie alla madre che la sostenne contro il padre che la voleva dare in sposa giovanissima. Durante gli studi Lotfia seppe dell’apertura di una scuola per piloti al Cairo e lavorò per pagarsi le lezioni di volo senza farsi scoprire dai genitori. Prese il brevetto di volo a 26 anni e fu di esempio ad altre donne egiziane che per circa un decennio seguirono corsi di pilotaggio e divennero piloti. Ma anche un incentivo alle altre per emanciparsi.

Articolo in evidenza

CALLIGRAFIA 14

Nella lingua araba non esiste lo stampatello. Così molte insegne di negozi servizi, oltre alle parole utilizzano molto le immagini. Si capisce immediatamente di cosa si occupa quell’artigiano o commerciante.

Articolo in evidenza

CURIOSITA’ 4

In un anno la moneta egiziana si è molto svalutata passando da 25 lire egiziane a fine 2022 a 33 a fine 23 per euro.
Tutti i prezzi sono aumentati, ma per i turisti, dato il cambio favorevole, praticamente non è cambiato molto. I beni più costosi sono quelli voluttuari tipo le sigarette, mentre elettricità, benzina, trasporti sono rimasti gli stessi di un’anno fa o sono aumentati di poco. Fra i prodotti costosi, ma di base, ci sono il latte, lo zucchero e le uova.

Articolo in evidenza

Gem-Grand Egyptiam Museum

Un progetto enorme, che ha visto la posa della prima pietra nel 2002 mentre i lavori veri e propri sono iniziati nel 2011. Un edificio di oltre 480mila metri quadrati, con forma triangolare smussata, allineata alla piramide di Cheope che si trova a un paio di chilometri. Il Gem esporrà oltre 100mila reperti, tra cui il famoso tesoro di Tutankhamon al completo, e molte altre opere che verranno spostate da altri musei del paese, in primis dal vecchio Museo Egizio del Cairo, compresi pezzi mai esposti finora perché conservati nei magazzini.
Speriamo che apra presto!

Articolo in evidenza

IL CANALE DI SUEZ

Il canale di Suez è un alveo artificiale navigabile situato in Egitto, a ovest della penisola del Sinai, tra Porto Said sul mar Mediterraneo e Suez sul Mar Rosso. Inaugurato nel 1869, nel 2014 il governo egiziano ha avviato i lavori per l’ampliamento e l’estensione e velocizzare il passaggio delle navi. L’Autorità del Canale di Suez ha aperto ufficialmente il nuovo canale laterale nel 2016.

Articolo in evidenza

CURIOSITA’ 3

In questo momento l’Egitto vive una grave crisi economica e la sua valuta è in caduta libera. Per fare un esempio, un anno fa 1 euro si cambiava con 20 lire egiziane. Ora 1 euro vale 33 lire egiziane! Eppure sono in crescita, cioè gli imprenditori locali – che abbiano un negozio di alimentari o un’officina meccanica – se hanno successo, investono nel loro lavoro e ingrandiscono e “abbelliscono” il loro negozio e la loro officina! Come accadeva da noi dopo la seconda guerra mondiale…..

Articolo in evidenza

CURIOSITA’ SULL’ANTICO EGITTO 2

L’inondazione del Nilo aveva termine entro il mese di ottobre. I contadini dovevano fare in fretta a lavorare il fertilissimo fango che cominciava subito ad indurirsi. Per facilitare l’aratura, essi provvedevano prima a dissodare la terra con le zappe. Una volta aperti i solchi, i seminatori spargevano le semenze, poi venivano fatti camminare sul terreno degli animali che con gli zoccoli facevano penetrare il seme nella terra. Accanto ad ogni solco vi era un piccolo canale alimentato dal Nilo, che serviva per irrigare le colture. Il frumento veniva raccolto alla fine di marzo.

Articolo in evidenza

CURIOSITA’ SULL’ANTICO EGITTO

Un grande storico greco, Erodoto, disse che l’Egitto è dono del Nilo. Ed è vero, sia oggi come nell’antichità. Fino a quando non furono costruite le dighe moderne, infatti, questo fiume, a causa delle abbondanti piogge che cadono sulle montagne etiopi, una volta all’anno straripava e inondava larghe fasce di terreno. Quando le acque si ritiravano uno strato di fango nero, molto fertile e umido, rimaneva sulla terra che poteva così essere coltivata. Oggi questo non avviene più ma sono sempre le acque del Nilo che, opportunamente incanalate, permettono la coltivazione dei campi.

Articolo in evidenza

IMPREVISTI

Nella seconda metà di giugno, nella costa del mar Rosso fra Hurghada e Marsa Alam si sono avuti due “fenomeni” inconsueti: è cessato il vento, che normalmente caratterizza il clima della costa, più o meno intenso, soprattutto nelle ore più calde della giornata. Sono comparsi i “moscerini della sabbia”, detti anche “pulci del deserto” o “sand flies”. Più fastidiosi e persistenti delle zanzare, insensibili ai repellenti e agli insetticidi, stazionano vicino al mare con la bassa marea e pare anche nella zona della piscina. Sono spariti solo dopo un temporale (altro evento raro sul mar Rosso).

Articolo in evidenza

MITOLOGIA 6

Maat è la dea della giustizia e della verità e il simbolo che la caratterizza è la piuma di struzzo. Al momento del passaggio nell’Aldilà, il defunto viene sottoposto alla cosiddetta «psicostasia» o «pesatura del cuore»: il suo cuore viene posto su una bilancia, insieme alla piuma di Maat.

Articolo in evidenza

PROBLEMI SERI…..

Nel corso di pochi mesi il valore della Lira Egiziana ha avuto un tracollo. Lo scorso maggio 2022 il cambio per un euro era di 18/20 LE.; poi in novembre il cambio è passato a 25 LE ed ora (febbraio 2023) siamo arrivati a 32 LE. Dunque, venire in Egitto è molto vantaggioso per gli europei, ma la vita per gli egiziani ha subito un forte aumento dei costi che forse non è ancora arrivato alla fine.
In tutto questo, luce e benzina non hanno aumentato il prezzo e per i più poveri è stata introdotta una sorta di tessera annonaria con cui possono acquistare nei supermercati comunali i generi di prima necessità. Inoltre alcuni beni conservano lo stesso prezzo, ma sono offerti in minor quantità. Per esempio prima 5 pezzi di pane arabo costavano 5 LE. Ora il prezzo è rimasto lo stesso, ma i panetti sono di dimensioni ridotte.

Articolo in evidenza

DA NON CREDERE…….

Ad El Quseir, zona del Mar Rosso, la gente non corre mai. Nè bambini, nè adulti, nè donne, nè uomini. Quando una persona vuol prendere il microbus (un piccolo autobus con solo posti a sedere che porta in ogni angolo e si ferma in ogni dove) ed è il mezzo di trasporto comune, basta che alzi un dito anche da lontano. Poi, con molta calma, raggiunge il mezzo. Non si affretta neppure se è parecchio lontano! Lo stesso per la strada: nessuno si sposta se arriva un’auto o una moto, anche se cammino vicino allo spartitraffico oppure affiancato da altri 4.
Al contrario, se occorre fare la fila in un negozio, che sia il fruttivendolo o la cassa del supermercato, nessuno vuole aspettare e ti “scavalcano” facendo finta di non vederti, come se tu fossi trasparente o non esistessi. E sono soprattutto le donne a farlo. E non perchè sono anziane o incinte……

Articolo in evidenza

BUONA ABITUDINE

Chi ha un lavoro investe su di esso per migliorarlo e ottenere maggiori introiti. In tutti i campi: che si tratti di un’officina meccanica, oppure di un negozio di alimentari, di un fruttivendolo….. Se l’attività non va bene, viene chiusa e si prova con altro, oppure addirittura ci si trasferisce!

Articolo in evidenza

CLIMA IN DICEMBRE

Il sole è sempre caldissimo, ma spesso sul mare tira un vento forte e più o meno freddo a seconda di da dove arriva. Il mare risponde al vento ed è piatto o agitato in proporzione….. ma l’acqua rimane sempre tiepida e piacevole.
Dunque fare il bagno o no? Consigli: scaldarsi al sole in un luogo riparato dal vento, quindi tuffarsi il più in fretta possibile e nuotare, infine infilarsi in un accappatoio appena usciti dall’acqua.

Articolo in evidenza

ABITUDINI DI VITA

Mi stupisce sempre vedere come gli egiziani siano fatalisti. Per esempio, non temono pericoli nell’attraversare la strada. Al Cairo, dove il traffico è congestionato e velocissimo e dove raramente le auto rispettano anche i semafori, i pedoni attraversano la strada con le mani avanti per fermare chi avanza verso di loro. E ad El Quseir, cittadina a sud di Hurghada, chi attraversa, vecchio o giovane, uomo o donna, cammina a passi lenti e non accelera neppure se vede un’auto arrivare in velocità.
Pare che il pensiero comune sia: “siamo in tanti milioni, una persona in più o in meno non fa differenza”!

Articolo in evidenza

L’EGITTO E’ VANTAGGIOSO

Di questi tempi (novembre 2022) soggiornare in Egitto è particolarmente conveniente perchè il cambio dall’euro corrisponde a 25 lire egiziane, più spiccioli.
Dunque per un europeo il costo della vita è inferiore a quello della scorsa primavera, anche se i prezzi sono aumentati.

Articolo in evidenza

DANZA DEL VENTRE

Una delle più antiche forme di danza moderna apparve all’inizio del XIX secolo con le donne gitane che venivano chiamate ghawazi cioè intrusi, perché invadevano la professione di danzatrici e facevano movimenti asimmetrici e indecisi rispetto alla musica e al ritmo. Si esibivano soprattutto nell’Alto Egitto.
Articolo in evidenza

ABITUDINI PERICOLOSE 4

Forse questo comportamento non andrebbe sotto questo titolo, ma è talmente diverso da quello delle mamme italiane………
Spiaggia con angolo gioco per i bambini dove ci sono scivoli, cavalli a dondolo, “girandole”, altalene varie, un tappeto elastico rotondo dove saltare e rimbalzare. I giochi non sono nuovi e mostrano i segni dell’uso e in più non sono posizionati in sicurezza. Così capita che si rompano e “capottino”, ovviamente con sopra i bambini che accorrono numerosi. Nessun adulto, soprattutto mamme, accompagna i bambini e quando anche cadono e si mettono a piangere, non ci sono genitori apprensivi che accorrono!
Adulti incoscienti? Forse semplicemente meno apprensivi.

Articolo in evidenza

RAMADAN

Nella notte fra domenica 1 maggio e lunedì 2, il ramadan si è concluso e si è dato inizio ai festeggiamenti …… tutti gli abitanti di El Quseir in strada, vestiti a festa, con un vocio e musica talmente rumorosi che ci hanno svegliato alle 5 di mattina! Sono seguiti 3 giorni (o 4?) di festa con negozi chiusi, banche comprese.
Le persone si sono anche recate sulle spiagge, con pic nic, ecc. e tutta la famiglia al seguito.

Articolo in evidenza

ARTICOLI DI ARREDAMENTO

Il trono d’oro di Tutankhamon. Questo è il più bello di quelli trovati nella sua tomba. E’ di legno, ricoperto di lamine d’oro e d’argento e impreziosito da turchesi, corniola e intarsi di vetro verniciato.
Bellissimo e molto significativo perchè rappresenta re e regina in atteggiamento affettuoso e in fattezze umane non trasfigurate nella divinità.
Articolo in evidenza

ABITUDINI PERICOLOSE 3

Frequentare le strade, soprattutto di notte, è piuttosto pericoloso: le autostrade sono molto buie perchè attraversano per lunghi tratti il deserto e zone montuose, che sono disabitate; ma nelle megalopoli (il Cairo, e Alessandria, per esempio) così come nelle cittadine più piccole (come quelle costiere sul mar rosso) la luce non è molto più rassicurante. Soprattutto in provincia è normale girare contromano, cavalcare una moto almeno in 3 (o 5 se ci sono bambini), e di solito col guidatore al telefono, superare a destra anche in strade strette, guidare a fari spenti, giocare a pallone in mezzo alla strada dove è buio, camminare affiancati anche in cinque o sei…..
Solo i dissuasori di velocità, molto frequenti e mal segnalati, costituiscono una piccola garanzia alla sicurezza di pedoni e mezzi circolanti!

Articolo in evidenza

I FESTONI PER IL RAMADAN

Colorati e leggeri, sono fatti di stagnola plastificata e ritagliati dai sacchetti di plastica della spesa. Dunque molto economici e meno appariscenti delle nostre luminarie natalizie. Ma col vento fanno un leggero fruscio che ricorda le foglie delle piante: col caldo che fa danno una sensazione di fresco…

Articolo in evidenza

ABITUDINI PERICOLOSE 1

Qui in “provincia”, ad El Quseir, in moto si va almeno in 3, ovviamente senza casco, continuando a suonare il clacson per liberare la strada dai pedoni, che per la verità neanche ci badano.
Ho visto anche moto più cariche: una intera famiglia di 5 persone. Padre e madre con in braccio un neonato, un bambino sul serbatoio fra le braccia del padre e uno nel portabagagli posteriore che di solito è fatto da una cassetta di legno o plastica. E la madre sta seduta alla “amazzone” con un invidiabile senso di equilibrio.

Articolo in evidenza

IMPRESSIONE

L’Egitto è una nazione islamica con un regime politico non proprio democratico. I luoghi comuni parlano di donna sottomessa all’uomo, e certamente sarà così in molte occasioni. Ma qui ad El Quseir ho visto donne capoufficio in aziende pubbliche come quella elettrica, donne che gestiscono un negozio per esempio di abbigliamento o tipo profumeria, donne che lavorano in banca…. E guardando gli studenti che escono dalle scuole locali dalle “elementari” alle “superiori”, la maggioranza sono senz’altro ragazze. Così penso che in futuro sarà più facile e più diffusa l’emancipazione femminile.

Articolo in evidenza

ABITUDINI 3

Forse nelle grandi città è diverso, ma qui ad El Quseir i negozi aprono “a piacere” ovviamente del proprietario/gestore. Anche il venerdì, giorno di festa per i mussulmani, solo gli uffici pubblici e le banche sono rigorosamente chiusi, mentre alimentari, negozi per ricariche telefoniche, di abbigliamento, ecc. sono aperti almeno per parte del giorno se non tutto. In cambio si può trovare il negozio chiuso nelle ore (quotidiane!) della preghiera, anche solo per 10 minuti.
E per i cattolici copti….? Quelli che lavorano di domenica hanno una funzione per loro il venerdì

Articolo in evidenza

ABITUDINI 2

In Egitto i pedoni sono veramente coraggiosi: nelle grandi città come il Cairo o Alessandria, attraversano la strada fermando il traffico con le mani e correndo fra le auto (gli egiziani automobilisti non sono molto rispettosi dei semafori); nelle cittadine, tipo El Quseir, non si curano del traffico e possono attraversare un incrocio in diagonale camminando con molta lentezza, incuranti delle auto che gli passano accanto.
Pare che la filosofia sia: siamo molti milioni e una persona in più o in meno non ha importanza……..

Articolo in evidenza

ABITUDINI

Una delle cose che mi stupiscono ancora è vedere la calma e lentezza con cui gli egiziani agiscono, praticamente in ogni situazione. Basti un esempio: salire su un microbus (il mezzo di trasporto interno alle città). Una persona può fare un segno per fermarlo anche da lontano – per es. da 100 metri sulla sinistra rispetto al senso di marcia. L’autista si ferma e aspetta con pazienza, mentre l’interessato si avvicina senza accelerare il passo. Donna, uomo, bambino: vale per tutti. E non si riparte prima che il nuovo viaggiatore si sia seduto.