Articolo in evidenza

RAMADAN

Nella notte fra domenica 1 maggio e lunedì 2, il ramadan si è concluso e si è dato inizio ai festeggiamenti …… tutti gli abitanti di El Quseir in strada, vestiti a festa, con un vocio e musica talmente rumorosi che ci hanno svegliato alle 5 di mattina! Sono seguiti 3 giorni (o 4?) di festa con negozi chiusi, banche comprese.
Le persone si sono anche recate sulle spiagge, con pic nic, ecc. e tutta la famiglia al seguito.

Articolo in evidenza

ARTICOLI DI ARREDAMENTO

Il trono d’oro di Tutankhamon. Questo è il più bello di quelli trovati nella sua tomba. E’ di legno, ricoperto di lamine d’oro e d’argento e impreziosito da turchesi, corniola e intarsi di vetro verniciato.
Bellissimo e molto significativo perchè rappresenta re e regina in atteggiamento affettuoso e in fattezze umane non trasfigurate nella divinità.
Articolo in evidenza

ABITUDINI PERICOLOSE 3

Frequentare le strade, soprattutto di notte, è piuttosto pericoloso: le autostrade sono molto buie perchè attraversano per lunghi tratti il deserto e zone montuose, che sono disabitate; ma nelle megalopoli (il Cairo, e Alessandria, per esempio) così come nelle cittadine più piccole (come quelle costiere sul mar rosso) la luce non è molto più rassicurante. Soprattutto in provincia è normale girare contromano, cavalcare una moto almeno in 3 (o 5 se ci sono bambini), e di solito col guidatore al telefono, superare a destra anche in strade strette, guidare a fari spenti, giocare a pallone in mezzo alla strada dove è buio, camminare affiancati anche in cinque o sei…..
Solo i dissuasori di velocità, molto frequenti e mal segnalati, costituiscono una piccola garanzia alla sicurezza di pedoni e mezzi circolanti!

Articolo in evidenza

I FESTONI PER IL RAMADAN

Colorati e leggeri, sono fatti di stagnola plastificata e ritagliati dai sacchetti di plastica della spesa. Dunque molto economici e meno appariscenti delle nostre luminarie natalizie. Ma col vento fanno un leggero fruscio che ricorda le foglie delle piante: col caldo che fa danno una sensazione di fresco…

Articolo in evidenza

ABITUDINI PERICOLOSE 1

Qui in “provincia”, ad El Quseir, in moto si va almeno in 3, ovviamente senza casco, continuando a suonare il clacson per liberare la strada dai pedoni, che per la verità neanche ci badano.
Ho visto anche moto più cariche: una intera famiglia di 5 persone. Padre e madre con in braccio un neonato, un bambino sul serbatoio fra le braccia del padre e uno nel portabagagli posteriore che di solito è fatto da una cassetta di legno o plastica. E la madre sta seduta alla “amazzone” con un invidiabile senso di equilibrio.

Articolo in evidenza

IMPRESSIONE

L’Egitto è una nazione islamica con un regime politico non proprio democratico. I luoghi comuni parlano di donna sottomessa all’uomo, e certamente sarà così in molte occasioni. Ma qui ad El Quseir ho visto donne capoufficio in aziende pubbliche come quella elettrica, donne che gestiscono un negozio per esempio di abbigliamento o tipo profumeria, donne che lavorano in banca…. E guardando gli studenti che escono dalle scuole locali dalle “elementari” alle “superiori”, la maggioranza sono senz’altro ragazze. Così penso che in futuro sarà più facile e più diffusa l’emancipazione femminile.

Articolo in evidenza

ABITUDINI 3

Forse nelle grandi città è diverso, ma qui ad El Quseir i negozi aprono “a piacere” ovviamente del proprietario/gestore. Anche il venerdì, giorno di festa per i mussulmani, solo gli uffici pubblici e le banche sono rigorosamente chiusi, mentre alimentari, negozi per ricariche telefoniche, di abbigliamento, ecc. sono aperti almeno per parte del giorno se non tutto. In cambio si può trovare il negozio chiuso nelle ore (quotidiane!) della preghiera, anche solo per 10 minuti.
E per i cattolici copti….? Quelli che lavorano di domenica hanno una funzione per loro il venerdì

Articolo in evidenza

ABITUDINI 2

In Egitto i pedoni sono veramente coraggiosi: nelle grandi città come il Cairo o Alessandria, attraversano la strada fermando il traffico con le mani e correndo fra le auto (gli egiziani automobilisti non sono molto rispettosi dei semafori); nelle cittadine, tipo El Quseir, non si curano del traffico e possono attraversare un incrocio in diagonale camminando con molta lentezza, incuranti delle auto che gli passano accanto.
Pare che la filosofia sia: siamo molti milioni e una persona in più o in meno non ha importanza……..

Articolo in evidenza

ABITUDINI

Una delle cose che mi stupiscono ancora è vedere la calma e lentezza con cui gli egiziani agiscono, praticamente in ogni situazione. Basti un esempio: salire su un microbus (il mezzo di trasporto interno alle città). Una persona può fare un segno per fermarlo anche da lontano – per es. da 100 metri sulla sinistra rispetto al senso di marcia. L’autista si ferma e aspetta con pazienza, mentre l’interessato si avvicina senza accelerare il passo. Donna, uomo, bambino: vale per tutti. E non si riparte prima che il nuovo viaggiatore si sia seduto.